Le pareti contro terra in CLS del seminterrato di questa abitazione erano prive di una intercapedine, pertanto non consentivano di vivere in quell’ambiente. Una parete si fatta implicava una forte dispersione termica e la possibilità che col passare del tempo potessero crearsi umidità interstiziale di condensa o di risalita, entrambe estremamente dannose e da scongiurare.

I pannelli in canniccio palustre ben si prestano ad essere applicati sul CLS mediante fisher in quanto non hanno problemi dove c’è umidità. Potevamo intonacarli per finire l’opera a regola d’arte, ma volevamo rendere l’ambiente molto più protetto dalle sollecitazioni termiche ed igrometriche delle pareti ed anche del pavimento. Avevamo bisogno di un materiale che regolasse i livelli di umidità indoor. La scelta giusta era usare mattoni in terra cruda sui quali avremmo steso un intonaco naturale.

Il cliente ci consentì di effettuare quest’opera di riqualificazione energetica accettando la nostra idea. Con nostra somma soddisfazione in occasione di una Fiera venne a visitarci il committente dei lavori, proprietario della villa che ci ringraziò per aver insistito su quelle idee progettuali, era soddisfatto.

La soddisfazione del cliente è il nostro obbiettivo, per noi ha un valore immenso.

 

Scheda Prodotto

Vedi anche:

Lascia un commento